Attività
Utente: Password: Ricordami
Torna

DanteEl vì en Vers: le poesie del vino in versi

L’interesse di Palcogiovani alle tradizioni culturali bresciane comincia con l’inizio stesso della sua attività nel 1992, nella consapevolezza che la salvaguardia dei valori e della cultura tradizionale fosse indispensabile per mantenere vivo quel senso di appartenenza ad una comunità ed ad un territorio, che la moderna società poneva e pone in crisi sotto la spinta del fenomeno della globalizzazione e della scomparsa delle identità territoriali.

La prima rassegna di teatro risale dunque a quattordici anni fa con i primi appuntamenti con la commedia dialettale,  tenuti presso il teatro dell’oratorio Cristo Re: quattro sabati che danno il nome alla rassegna dei “Quàter Sabòcc”.

Da allora la rassegna è cresciuta per importanza e visibilità innescando ulteriori percorsi culturali volti alla riscoperta di altri aspetti del dialetto e della tradizione:

la poesia dialettale, che oltre ai brevi incontri con i poeti contemporanei che precedono le commedie, ha trovato una vetrina importante, nel concorso biennale “El vì en vèrs” realizzato in collaborazione con l’Ente Vini Bresciani, che premia con la pubblicazione le migliori composizioni intorno alla tematica del vino, trattato in ogni suo aspetto, da quello più tradizionale e culinario a quello più conviviale e scherzoso.
La tradizione eno-gastronomica, che, oltre agli incontri con le degustazioni, al termine di ogni commedia, dei prodotti tipici bresciani, realizzato in collaborazione con Consorzi e aziende del nostro territorio e con l’Associazione Panificatori della Provincia di Brescia, ha realizzato l’iniziativa dei “Cesti degli antichi sapori bresciani”

El vì en vèrs

Il concorso biennale  “El vì en vèrs” nasce nel 2001 da un’idea in compartecipazione tra l’Associazione Palcogiovani e l’Ente Vini Bresciani per celebrare l’antica tradizione locale legata alla produzione ed al consumo della notissima bevanda di bacco.

Il concorso infatti si rivolge soltanto a composizioni che trattano del vino in un suo aspetto : sia esso tradizionale, storico, conviviale e scherzoso.

Le composizioni, nuove e mai pubblicate, scritte rigorosamente nel nostro vernacolo, dopo essere sottoposte ad un’accurata valutazione ad opera di un comitato di esperti vedono la premiazione degli elaborati meritevoli oltre che con una buona quantità di bottiglie di buon vino, anche con la pubblicazione in un opuscolo corredato delle fotografie a colori di quadri di artisti bresciani noti.